Home Mondo vino Che tipo è, l’Amarone della Valpolicella?

Che tipo è, l’Amarone della Valpolicella?

da Stela Gutuleac
Pubblicato: Aggiornato il
Che tipo è Amarone!

Che tipo è Amarone!

 Un vino veronese amato da tutti.

L’Amarone della Valpolicella è un vino veronese e si colloca tra i più importanti rossi d’Italia.

Le viti sono coltivate nella zona che va da Est ad Ovest della Valpolicella ai piedi delle Dolomiti e vicino al Lago di Garda.

Il clima in cui cresce è mite con un inverno ben definito e piogge ben distribuite; verso Ovest c’è un clima più mediterraneo, verso Est un clima più freddo.

 Il suolo é vulcanico, argilloso composto da calcare e ghiaia. L’allevamento della vite viene fatto a Guyot o a Pergola.

Il disciplinare dell’Amarone 

Il disciplinare di produzione dell’Amarone prevede che l’uvaggio sia composto dalle seguenti uve: Corvina, Corvinone, Rondinella, Oseleta, Molinara. La vendemmia si inizia verso fine settembre o inizio ottobre, selezionando i grappoli più sani e maturi che affronteranno l’appassimento per un periodo di 4 mesi.  I grappoli vengono disposti in cassette di legno o plastica, oppure sui graticci di canne di bambù finché non sia avvenuta l’evaporazione dell’acqua. La fermentazione è lenta dura circa 25/30 giorni, a contatto con le bucce.

L’affinamento varia dalle grandi botti alle piccole botti a seconda della scelta del produttore e dello stile che si vuole ottenere. Nella botte piccola i sentori del vino sono più marcati, i terziari più presenti come vaniglia, affumicato, tostatura.

Nella botte grande l’affinamento è più lungo ma non influisce sugli aromi del vino ma esalta di più la qualità naturale del vino stesso.

Quanti anni si mantiene in forma l’Amarone?

Per l’Amarone Classico l’affinamento è di 24 mesi, invece per la Riserva è di 48 mesi. E’ un vino che si presta molto bene all’invecchiamento.

Essendo un vino molto strutturato è consigliabile, prima dell’assaggio, ossigenarlo bene aprendo la bottiglia qualche ora prima. Il colore si presenta come un rosso rubino intenso e durante l’invecchiamento assume riflessi rosso granato.

Caratteristiche organolettiche

Al naso è molto intenso si presenta fruttato (amarena, mirtilli, confettura), balsamico, con sentori di erbe aromatiche e spezie, mentre con l’invecchiamento tabacco, cacao, cuoio diventano più intensi. Il tannino è più o meno marcato a seconda dell’annata: più il vino è invecchiato più il tannino è morbido ma presente; il grado alcolico è molto presente e oscilla fra i 15 e i 17 gradi. È un vino con grande struttura e lunga persistenza.


 

 

You may also like

Lascia un commento