Home Mondo vino Come e soprattutto dove acquistare il vino?

Come e soprattutto dove acquistare il vino?

da Stela Gutuleac
Pubblicato: Aggiornato il

Dove andare ad acquistare il vino?

Spesso ci capita di dover scegliere il vino all’ultimo momento ed e li che arriva la domanda, dove vado ad acquistare il vino e come scegliere senza sbagliare?

Personalmente sconsiglio di acquistare vini al supermercato, perché vi trovereste davanti a scaffali colmi di bottiglie di vini diversi non solo quelli italiani di cui ce n’e un’infinità ma anche quelli internazionali, tanto da creare una grande confusione. La maggior parte sono vini industriali la cui unica qualità è quella di presentarsi con un prezzo basso e forse un packaging attraente.

Opterei per scegliere il vino direttamente dal produttore (se ne avete la possibilità) cosi potrete comprenderne subito la qualità, conoscere chi lo produce e come viene realizzato.

Se non vi fosse possibile vi consiglio di recarvi in un’enoteca e diventarne cliente abituale creando una sorta di fiducia con il gestore che vi può consigliare un vino adatto alle vostre esigenze una volta che gli avete spiegato ciò che amate.

Ma se non riuscite a raggiungere né un produttore e neppure un’enoteca non vi resta altro che il supermercato…

Vediamo come affrontare quel muro stracolmo di migliaia di bottiglie di diversi vini prodotti da diverse aziende e provenienti da diversi paesi.

Prezzo

Prima di tutto facciamo un bel respiro e andiamo per gradi

Il prezzo: non fatevi ingannare da un prezzo inferiore a 5 euro. È impossibile che una bottiglia di 0,75 L possa costare cosi poco e fatta spacciare come buon vino. Facciamo qualche calcolo veloce

      1. Quanto costa far crescere la vite, curarla, trattarla in modo più naturale possibile, pagare la manodopera per valorizzarla.

      1. I costi per produrre i vini (cantina, operai, macchine, energia elettrica, etc.)

      1. Le spesse fisse di gestione (bollette, tasse, IVA, permessi, e la distribuzione sul mercato)

      1. Imbottigliamento del vino (etichetta, vetro, tappo, la confezione)

    Con un calcolo attento vi renderete conto che è altamente impossibile trovare al supermercato un vino di una certa qualità ad un prezzo cosi basso se il produttore ha seguito tutti i crismi per una seria produzione.

    Rischiate di acquistare un vino dove l’uva forse no è prodotto sul territorio indicato, o forse la provenienza del vino non è quella espressa sull’etichetta.

    Al supermercato

    Vi consiglio, altresì di indirizzarvi verso i vini IGT, DOC, DOCG, perché queste sigle aiutano, almeno a identificare la provenienza delle uve. Fate comunque attenzione che il vino sia stato imbottigliato nella zona indicata sull’etichetta DOC e DOCG, sfortunatamente ci sono anche qui alcune eccezioni non del tutto positive. Per esempio alcuni vini con la denominazione DOC Sicilia Nero D’avola, vengono imbottigliati in Italia settentrionale, in tal caso ve ne sconsiglio l’acquisto.

    Per cui se volete acquistare un vino che non vi faccia spendere tanto ma sia anche bevibile e rientri nel vostro budget, cercate i vini DOCG, DOC o IGT meno famosi o anche prodotti da vitigni meno conosciuti, poiché i produttori per espandersi sul mercato e ampliare la loro visibilità saranno molto scrupolosi nel riportare tutte le informazioni sulle loro etichette.

    O se disponete di un budget che vi permette dei vini conosciuti senza spendere un capitale, vi consiglio la linea base presente anche al supermercato.

    Vini famosi

    Ma attenzione se trovate dei vini famosi con prezzi un può sospetti potrebbe essere un imbroglio.

    Fate attenzione anche per quanto riguarda i vini internazionali a un prezzo vantaggioso. Ad esempio sui vini francesi oltre ad essere applicata una tassa di spedizione, hanno un costo in media doppio rispetto all’Italia, quindi non si possono contenere i prezzi oltre misura.

    A questo punto acquistare i vini provenienti da vitigni internazionali (come Merlot, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Sauvignon Blanc, Chardonnay etc.) perché hanno una grande qualità sia coltivati in Italia, Francia, ma anche nel nuovo mondo California o altri paesi e mantengono dei tratti distintivi forti cosi quando ci appresteremo a berli sapremo, più o meno, che cosa dovremmo aspettarci.

    You may also like

    Lascia un commento