Home Cibo e Vino Laite: un’esperienza gastronomica tutto al femminile – Wine Gourmet Food

Laite: un’esperienza gastronomica tutto al femminile – Wine Gourmet Food

da Stela Gutuleac
Pubblicato: Aggiornato il
Una cucina gourmet in alta quota

La scoperta di un nuovo piatto rende più felice il genere umano che la scoperta di una nuova stella.

   Athelme Brillat Savarin

Sappada è un’incantevole località montana nel cuore delle Dolomiti patrimonio Unesco, un posto dove non solo trovi diverse attrazioni per gli amanti dello sport, o per il relax ma è anche una grande meta culinaria.

 

 

 

Tra le diverse strutture ristorative vi consiglio di provare il ristorante “Laite” (che in sappadino vuol dire “un prato al sole”) un locale incantevole pieno di ricordi, semplice ed elegante, dove non solo sei circondato dal legno e dalla sua essenza, ma riesci a percepire l’atmosfera della montagna arricchita dai piatti dal profumo di bosco, a ogni assaggio apprezzi sempre di più la qualità dei prodotti del territorio con un sapore che ti rimane per sempre impresso  e ti invoglia a ritornare.

  Un ristorante a conduzione famigliare al femminile con la chef Fabrizia e la figlia Elena che accoglie gli avventori, e ti fa sentire come se fossi a casa tua, qui non sei un cliente ma un ospite perché sei coccolato tutto il tempo.

Dietro alla cucina di Fabrizia si percepisce subito che ci sono tantissimo studio, ricerca, amore e passione per la cucina, rispetto e valore per i prodotti che propone.  Con i suoi piatti ti fa viaggiare nel bosco grazie al profumo delle erbe aromatiche (spesso poco conosciute da noi), ai funghi, alla selvaggina, valorizzata con diverse cotture e trattata con grande rispetto verso l’animale (spesso la si trova proposta in forma di salumi), qui la puoi assaggiare in versione tartare senza snaturarla, trovi anche il pesce di lago che diventa protagonista del piatto senza essere coperto da altri sapori.

Trovo una grande ricerca e studio anche nell’abbinare diversi vini ai piatti proposti, una scelta che non si limita solo al territorio italiano ma anche a quello internazionale come Francia, Spagna, Georgia, Macedonia, Armenia, Canada etc.

 Una carta di vini ricchissima e sorprendente, qui hai l’occasione di assaggiare annate giovani assieme ad annate da noi ormai dimenticate che sono custodite da Elena, non solo un’ottima padrona di casa ma anche Sommelier. Ho apprezzato molto l’aver trovato anche etichette non famose per il nome ma per la qualità, spesso dimenticata. Sono vini che raccontano il territorio e ti fanno viaggiare con la mente direttamente nella loro terra di provenienza.

Ho avuto l’opportunità di venire più volte in questo ristorante e devo dire che ogni volta ho provato un’esperienza diversa, un viaggio indimenticabile tra la cucina proposta da Fabrizia e il vino che Elena abbina perfettamente per arricchire e impreziosire quei sapori e quei profumi che mi sono rimasti impressi per sempre nella mia mente; per me sono anche dei bei momenti da condividere con voi.

Ho difficoltà a descrivere nel dettaglio i piatti che ho assaggiato; dovrete provarli personalmente! Di fatto il menù non è sempre lo stesso viene cambiato in base alla stagione, ai prodotti e alle scoperte e agli studi che Fabrizia ci propone.

Ogni volta è stato, per me, un viaggio gastronomico diverso, sorprendente, difficilmente spiegabile: un’esperienza solo e tutta personale.


You may also like

Lascia un commento